L’origine dei generi musicali
Pagina 8 Musica
L’origine dei generi musicali
Tra sperimentazione e soddisfazione delle aspettative
   Filomena Iaquinandi 

Se estremamente complessa appare la questione dell’origine della musica, ancor di più lo è quella riguardante i generi musicali. Essi rappresentano delle categorie all’interno delle quali vengono raggruppate composizioni musicali che presentano caratteristiche comuni riguardanti l’organico strumentale, il destinatario e il contesto in cui sono eseguite. La nozione di genere in musica è espressione della necessità dell’uomo di classificare, ordinare, definire per meglio organizzare la conoscenza. L’uomo impiega quotidianamente categorie di diversa natura e struttura in ogni ambito della propria esperienza, dall’uso del linguaggio all’analisi politica, dall’organizzazione del lavoro all’applicazione di un qualsivoglia strumento di indagine scientifica. La psicologia cognitiva ha dimostrato come intervengano meccanismi di classificazione a partire da operazioni che stanno alla base del nostro pensiero, come la capacità di riconoscere gli oggetti.

Nel mondo musicale contemporaneo, ad esempio, le influenze e le contaminazioni tra stili diversissimi tra loro che si fondono e si sovrappongono, non consentono sempre di attribuire un'etichetta o effettuare una classificazione. Essendo la musica espressione della cultura e della società, accade che le culture si mescolano e necessariamente anche le loro diverse espressioni linguistiche e artistiche, dando origine così a "prodotti nuovi" che è difficile incasellare in un unico genere.

I generi musicali racchiudono forme espressive aventi caratteristiche comuni, e vengono ideati dall’individuo proprio per rispondere alla sua esigenza psicologica di classificare gli eventi della realtà. Chiarificatrice a tal proposito la definizione proposta da Franco Fabbri che definisce il genere musicale come “un insieme di fatti musicali, reali e possibili, il cui svolgimento è governato da un insieme definito di norme socialmente accettate.”

Per quanto concerne l’origine di un genere musicale essa segue una serie di norme tecnico-formali che possono essere fissate per iscritto, trasmesse oralmente o attraverso opere modello. Le norme di genere sono inevitabilmente semiotiche in quanto essi rappresentano dei modelli che istituiscono un rapporto tra il piano dell’espressione di un fatto musicale e il suo contenuto. Ogni genere viene definito da una comunità, variamente strutturata che ne accetta le norme e che partecipa allo svolgimento dei fatti musicali. Rimarchiamo dunque il fatto che i generi musicali, la musica in sé, veicolano sentimenti ed emozioni, pensieri, ideologie, messaggi, individuali ma frutto della realtà collettiva, della società, delle circostanze storiche.

Un genere nuovo non nasce nel nulla, ma si colloca all’interno di un sistema musicale già strutturato. Parte delle norme che lo caratterizzano è comune ad altri generi esistenti nel sistema, mentre quelle che lo individuano, che ne rappresentano il nucleo, sono relativamente poche. Le nuove norme nascono dalla codifica di quelle che inizialmente vengono lette come trasgressioni alle norme di altri generi. La natura di queste trasgressioni può essere molto varia, a seconda delle norme implicate e, di conseguenza, a seconda dell’intenzionalità: l’artista può applicare una tecnica nuova in seguito a risorse fornite dallo sviluppo tecnologico, può enunciare una poetica e cioè trasgredire il contenuto di un genere originario, con un infinito numero di possibilità di trasgressione intermedie. In seguito, se la trasgressione ha generato il successo di un singolo fatto musicale, essa viene eletta a modello. Non è però così semplice: la trasgressione spesso è frutto dei segni di usura che alcune norme di genere cominciano ad avere, nonostante si continui a rispettarle. Si inizia così a sperimentare da un lato (artista), dall’altro a nutrire aspettative di cambiamento (pubblico) . Il “successo” non è altro che l’atto di codifica di nuove norme, attraverso l’esemplificazione che ne è data e da parte della collettività che lo decreta . Il successo e, in sostanza, l’origine di un nuovo genere, viene dato dalla soddisfazione delle aspettative.

◄ Home | Stampa articolo ◀ Indietro   1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20   Avanti ►
Portale di informazione dell'Associazione Stampa Italiana Scolastica Legge 7 marzo 2001, n. 62 - Registro della Stampa Tribunale di Messina n. 15/02 del 5 dicembre 2002
 Direttore responsabile Mario Calamia - Condirettore Felice Irrera - Vicedirettori Laura La Fauci Giuseppe Micali - Segretaria di Redazione Paola La Valle
 Direzione-Redazione Amministrazione 98124 Messina, via San Carlo 26 Telefax 090.2935977